[Home]

Homepage Mantis Martis (il microcosmo di Martino)

Mantis Martis website ("Martino's tiny world" Homepage)



Bacillus rossius (Martino Romano, dicembre 2017)

INSETTO STECCO (Bacillus rossius) Rossi 1788
Immagini
ordine: phasmatodea;
famiglia: bacillidae.

L'insetto stecco mediterraneo (Bacillus rossius), anche se schivo e minacciato dall'antropizzazione, è l'esponente del suo ordine più comune in Europa.
Ha l'aspetto di un bastoncino, caratteristica che determina il nome e lo rende uno degli insetti più affascinanti.

Descrizione
Gli elementi che caratterizzano l'insetto stecco sono un addome e un torace (solo il protorace e` corto) molto allungati che conferiscono all'insetto l'aspetto di un bastoncino.
La testa poco mobile, prognata (con la bocca rivolta in avanti) è ovoidale e presenta due occhi posizionati lateralmente e due antenne generalmente corte.
Le zampe sono abbastanza lunghe e le zampe anteriori, aventi alla radice del femur (secondo segmento) una depressione che nelle femmine è colorata di rosso,
vengono tenute ritte avanti per allungare il bastone che l'animale vuole sembrare; infatti gli insetti stecco, fuorché dalle manovre,
camminano solo con le due paia di zampe posteriori; ciò è un elemento comune con le mantidi.
I colori variano dal verde al marrone e le ninfe (o neanidi) sono verde chiaro.

Biologia
La biologia di questi insetti è molto particolare e si contano due generazioni l'anno.
La prima, primaverile, nasce da uova nere e tondeggianti; la seconda, estiva, sopravvive all'inverno e nasce da uova brune e oblunghe
che possono essere fino a 1000 per ogni femmina, che può riprodursi anche per partenogenesi (senza bisogno di essere fecondate dal maschio).
Le femmine , se si sentono spaventate, alzano le zampe anteriori mostrando due ocelli rossi (le mantidi ce l'hanno nero, ma sulla coxa, e non sul femur),
la strategia funziona solo per loro, data l'impressionante mole di 11 centimetri che possono raggiungere,
mentre i maschi (che possono raggiungere 7 cm) si limitano a lasciarsi cadere al suolo fingendo di essere morti.
Il mimetismo di un insetto stecco deve essere ottimale, infatti per lui non bastano la forma allungata e le zampe anteriori allineate al corpo,
ma, come tra l'altro fanno molte mantidi, esso imita l'oscillare delle foglie a vento.
Questo insetto si nutre principalmente di foglie di rosacee (specialmentee di rovi), ma non disdegna nemmeno foglie di altre piante.
La sua aspettativa di vita è di circa 1 anno, come quella delle mantidi.
Il Bacillus rossius è rinvenibile in tutto il bacino mediterraneo, ed è quasi identico al Bacillus atticus, tipico di zone più orientali.
bacillusrossius
[nymph of Bacillus rossius; photo by Martino Romano,
Porto Selvaggio, Salento (Italy), summer 2015]

Other images


Next