[Home]

Homepage Mantis Martis (il microcosmo di Martino)

Mantis Martis website ("Martino's tiny world" Homepage)



Antaxius pedestris (Martino Romano, gennaio 2019)

ANTAXIUS (CHOPARDIUS) PEDESTRIS Fabricius 1787
Immagini
ordine: orthoptera;
famiglia: tettigonidae.


I tettigonidi non si possono definire né grilli né cavallette, hanno zampe e antenne più lunghe.
Questo è uno dei meno conosciuti ed è rinvenibile nell'arco alpino.

Descrizione
Antaxius pedestris è un tettigonide brachittero (con ali atrofizzate e che perciò non può volare) di medie-grandi dimensioni, entrambi i sessi hanno una lunghezza sui 20-25 millimetri.
Maschio e femmina sono facilmente distinguibili per via dell'ovopositore (l'organo usato per la deposizione delle uova) lungo circa la metà del corpo nelle femmine e ovviamente assente nei maschi.
Il capo è ipognato (con la bocca rivolta verso il basso) e presenta una banda nera che corre vicino all'occhio, le antenne sono molto vicine e partono alla sua stessa altezza.
Il pronoto (lo "scudo" sopra al protorace) ha la parte inferiore bianca e sopra di essa contrasta un tratto nero. Le zampe posteriori sono robustissime e danno la possibilità all'insetto di fare grandi balzi.
La parte visibile delle ali nei maschi è circa la metà del pronoto e la punta è bianca, nelle femmine invece le ali sporgono poco da sotto il pronoto.
I cerci sono conici nella femmina, mentre nel maschio sono appiattiti e hanno tre punte.
la colorazione di base varia dall'ocra al grigio formati con screziature brune e bianche.

Biologia
Le neanidi nascono a inizio maggio e gli adulti di Antaxius pedestris sono attivi da luglio a novembre.
Sono animali notturni e quando il periodo della riproduzione comincia, il maschio "canta" il tipico stridio dei grilli facendo vibrare tutto il corpo.
La femmina depone le uova infilando il lungo ovopositore nel terreno umido.
Antaxius pedestris ha dieta erbivora e si nutre di molti tipi di vegetali.
La popolazione non è a rischio, ma Antaxius pedestris non è una specie molto comune. Il suo areale comprende gran parte dell'arco alpino.

Tra le specie simili incontriamo alcune specie di Pholidoptera, che però si possono distinguere senza grandi difficoltà e il raro Antaxius difformis, che si differisce per dimensioni minori, colori più scuri e nelle femmine un ovopositore più corto.
Antaxius difformis è raro e si può trovare nelle Alpi centrali.
antaxius
[female of Antaxius pedestris; photo by Martino Romano, Pomaretto (TO) (Italy), autumn 2018]

Other images


Next